Questo sito utilizza dei Cookie tecnici, essenziali per il corretto funzionamento dei servizi offerti dal nostro sito quali l' autenticazione. L'utilizzo di cookies tecnici non necessita di alcun consenso. Vi sono dei Cookie statistici (vedi pagina per informazione) Il programma di statistica è Google Analytics. Questo sito non utilizza cookies di profilazione. Se non sei d'accordo con l'uso di questi cookies conludi la tua navigazione. Per fare delle domande ti devi registrare
  • Registrati
Benvenuto in Allergia e dermatite Domande&Risposte, dove potrai porre quesiti e ricevere risposte su allergie e malattie della pelle da uno specialista in dermatologia e allergologia. Tutte le informazioni non sostituiscono la visita medica nè rappresentano un invito alla automedicazione. Google+
Allergologo a Messina: Prenota una visita medica

Alimentazione e dieta per nichel: quali alimenti evitare, cosa mangiare?

Dieci anni fa ho iniziato con la dermatite seborroica sul viso e forte acne sulla schiena...ma tutti i test erano negativi. Per cui mi sono tenuta la dermatite curata con pomate antibiotiche e sono andata avanti. Poi negli ultimi due anni sono arrivate le nausee, i mal di testa, i sintomi da intossicazione e un colon che si gonfiava con stitichezza e dolori all'appendice. Per un anno la nutrizionista mi ha tolto grano duro e tenero e le solanacee alle quali ero risultata intollerante. Poi non migliorando, mi ha tolto per 3 mesi anche latticini, lieviti, tutte le verdure che provocano aria. Ovviamente ho consumato il più possibile alimenti biologici e ho tolto completamente prodotti industriali. Risultato? Andavo meglio ma era un'alimentazione troppo rigida. Si sospettava il cron, poi la celiachia. Dalle analisi fatte non risulta nulla di nulla. Poii eccola lì, dal patch test muconasale, l' allergia al nichel anche se lieve (mi si è solo gonfiato un po' il labbro e ho avuto la pancia gonfia a due ore dal test).  Il gastroenterologo ha diagnosticato un colon irritabile, ha detto che non sono celiaca anche se ho una predisposizione genetica, che devo fare attenzione ai cibi col nichel, ma che in generale dovrei riprendere a mangiare secondo la piramide alimentare. Solo che io ho il terrore del nichel, e oramai guardo il cibo con sospetto. Mangiare è diventato un calcolo cervellotico senza pari e andare a cena da amici, una situazione spesso imbarazzante. Devo rivolgermi ad un  altro gastroenterologo, ad un allergologo o all'esorcista?:-) Premetto che mi curo con l'omeopatia da sempre.
quesito posto 18 Agosto 2011 in Allergie alimentari da anonimo
modificato 31 Dicembre 2011 da Arena

1 Risposta

Come sempre in questo tipo di situazioni è difficile districarsi. In più subentra uno stato di disperazione da parte del paziente che aggrava il tutto. Per quanto riguarda l'allergia sistemica al nichel è necessario individuare con una dieta gli alimenti e le quanttà che le creano problemi. Un allergologo che si interessa di uesti problemi la potrà aiutare.
Dr Arena
risposta inviata 19 Agosto 2011 da Arena
Quindi lei mi consiglierebbe più un allergologo che non un gastroenterologo?
Per quanto riguarda l'allergia sistemica al nichel sì.

Dr Arena
...