Questo sito utilizza dei Cookie tecnici, essenziali per il corretto funzionamento dei servizi offerti dal nostro sito quali l' autenticazione. L'utilizzo di cookies tecnici non necessita di alcun consenso. Vi sono dei Cookie statistici (vedi pagina per informazione) Il programma di statistica è Google Analytics. Questo sito non utilizza cookies di profilazione. Se non sei d'accordo con l'uso di questi cookies conludi la tua navigazione. Per fare delle domande ti devi registrare
  • Registrati
Benvenuto in Allergia e dermatite Domande&Risposte, dove potrai porre quesiti e ricevere risposte su allergie e malattie della pelle da uno specialista in dermatologia e allergologia. Tutte le informazioni non sostituiscono la visita medica nè rappresentano un invito alla automedicazione. Google+

prick test con orticaria dermografica

Salve,

ho 24 anni e sono affetta da orticaria dermografica da circa 2 anni, dopo 6 mesi di calma apparente ho ripreso la cura fornitami da un nuovo allergologo / dermatologo sempre con antistaminico ( questa volta zaditen e non zyrtec) e calma rossori, ponfi e pruriti.

Tuttavia sono un soggetto allergico anche se questa allergia si è manifestata con un brutto attacco all'età di 10 anni ( intolleranza ai conservanti,coloranti, sodio benzoato e diversi farmaci come aspirina o novalgina)

La mia domanda è: come posso fare i prick test per vedere se ho nuove intolleranze , dato che a causa dell'orticaria dermografica ( dopo 15 gg senza antistaminico ) non è possibile riconoscere l'intolleranza all'antigene poichè si gonfiano tutti i punti con ponfi molto evidenti?

ps. per quanto riguarda ciò che si può scoprire tramite le analisi del sangue o delle urine, già controllato ed è tutto regolare.
quesito posto 9 Aprile 2013 in Orticaria da stellaorl

1 Risposta

La ricerca delle IgE specifiche, fatta con un semplice prelievo di sangua, sostituisce adeguatamente le prove allergiche cutanee (prick test) in questi casi e non è influenzata dalla assunzione di qualunque farmaco , compreso gli antistaminici. Mi permetto di osservare che l'orticaria dermografica non è secondaria ad "intolleranza alimentari" e che bisognerebbe essere guidati da un allergologo nella ricerca di eventuali altre sensibilizzazioni , evitando ricerche alla cieca o troppo estese , ma spesso inutili. Sono i sintomi a doverci guidare e deve essere uno specialista a indirizzarci.

Dott. Arena Antonino
risposta inviata 10 Aprile 2013 da Arena
...